Image Cross Fader Redux /* BOX POP UP PAPA FRANCESCO INIZIO */ /* BOX POP UP PAPA FRANCESCO FINE */
Maria è pozzo d'amore ove l'anima in Cristo s'immerge

In nomine Patris, et Filii, et Spiritus Sancti. Amen.
Orate fratres Deum pro Pontificem Maximo Francisco, pro exaltatione Sanctae Ecclesiae ac haeresum extirpatione, pro nationum concordia, pro principibus christianis, pro tranquilitate populorum, ut omnes una aeternis gaudiis tandem perfruamur.
Custodi nos Domine ut pupilam oculi sub umbra alarum tuarum protege nos.
Gloria Patri, et Filio, et Spiritui Sancto. Sicut erat in principio, et nunc, et semper, et in saecula saeculorum. Amen.

Una passo del Vangelo per te

UN PASSO DEL VANGELO PER TE

Demoni e gerarchie

"Dictionnaire infernal ou Bibliothèque Universelle sur les etres, les personnages, les livres, les faits et les choses, qui tiennent aux apparitions, à la magie, au commerce de l’enfer, aux divinations, aux sciences secrètes, aux grimoires, aux prodiges, aux erreurs et aux prèjugès, aux traditions et aux contes populaires, aux superstitions diverses, et gènèralement à toutes les croyances merveilleuses, surprenantes, mysterieuses et surnaturelles."

Con questa premessa descrittiva Collin De Plancy introduceva quella che diventò in seguito la sua opera più importante e seguita: il "Dictionnaire infernal". Lo scritto (1818 – 1830) subì nel corso degli anni numerose modifiche da parte dell’autore, arrivando a pubblicare un edizione definitiva e rivista nel 1863.
La demonologia e lo studio dei demoni ha radici antiche, le quali arrivano probabilmente all'antico Israele; tuttavia con la pubblicazione del Dictionnaire infernal si ha un’apertura nei confronti del grande pubblico, suscitando l’interesse verso la materia e i testi ai quali il libro si ispira – interesse tuttavia sfociato troppo spesso in pratiche occulte ed esoterismo. L’importanza storica di questo testo risiede principalmente nell'aver portato alla ribalta un tema doveroso d’approfondimento ed aver raccolto diverse tradizioni (cristiane e non) tramandate sino ad allora.
Molto interessanti sono le rappresentazioni di questi spiriti maligni: esse son basate su vari racconti dell’epoca e da alcuni resoconti demonologici dei secoli precedenti.
V’è inoltre da precisare che Collin de Plancy terminò la sua carriera con una collaborazione con l’Abate Migne per completare il “Dizionario delle scienza occulte od Enciclopedia Teologica“, descritto da alcuni come un’opera che rispecchia l’autentica dottrina della Chiesa Cattolica.
Quella che vi illustreremo di seguito a scopo informativo è una lista dei demoni e delle gerarchie infernali che si possono trovare descritti nel’Ars Goetia (XVII secolo), nella Pseudomonarchia daemonum (1577) e, come detto, nel Dictionnaire infernal, influenzato dai primi due ma allo stesso tempo ben differente.
(Il Dictionnaire infernal è interamente consultabile in lingua originale al seguente link: Bibliotèque nationale de France )

Gerarchia infernale
Come più volte venuto in risalto negli esorcismi di Padre Amorth, i demoni hanno conservato la posizione gerarchica alla quale appartenevano prima della sconfitta in Paradiso e successiva caduta, ove i diavoli di gerarchia inferiore temono quelli maggiori (poiché nell'inferno vige una gerarchia basata unicamente sull'odio ed il terrore).
I testi che abbiamo appena citato concordano con questa visione, aggiungendo alcune precisazioni dovute alle diverse mansioni.
Nella demonologia cristiana è in genere accettata e ritenuta vera l’idea di una triade infernale a capo della legione del male costituita da satana, capo assoluto, lucifero, principe, e belzebù, il re degli spaventi.
La tradizione cabalistica invece, divide i demoni secondo una gerarchia diversa, ovvero a seconda del compito svolto dagli spiriti del male:
1) bicefali: spiriti di rivolta diretti da moloch;
2) scorze: spiriti di menzogna diretti da beelzebub;
3) velatori: spiriti della falsità, diretti da lucifugo;
4) perturbatori di anime: spiriti d’impurità diretti da astaroth;
5) incendiari: spiriti di collera diretti da asmodeo;
6) litigiosi: spiriti di discordia diretti da belphegor;
7) corvi della morte: diretti da baal;
8) battaglieri: diretti da adramelech;
9) osceni: diretti da lilith;
10) malvagi: diretti da nahenia.

Da notare: anche gli ordini angelici erano 10 secondo la stessa tradizione.
Sebbene la gerarchia cabalistica appena descritta non sia da riconoscersi come attendibile, in special modo per l’eccessiva speculazione sul nome dei demoni e per le influenze gnostico-misteriche, ci aiuta a comprendere come, sia in ambiente ebraico che cristiano, vi sia un’idea comune.
Nella nostra indagine cercheremo tuttavia di comprendere, proprio grazie agli scritti sopracitati, come la demonologia fosse affrontata nei secoli passati, esplorando la lista degli spiriti del male che i vari testi presi in esame ci propongono.

Lista dei demoni
Lista e descrizione dei demoni >>

(NB: la lista degli spiriti infernali è una raccolta delle descrizioni e delle immagini provenienti da alcuni trattati di demonologia: Ars Goetia (XVII secolo), la Pseudomonarchia daemonum (1577), il Dictionnaire infernal (1818-1830) ed alcune tradizioni scritte e/o orali. Venite ad Me (sito da cui è tratto l'articolo), non intende in nessun modo favorire la conoscenza esoterica di tali demoni; piuttosto si vuole promuovere una conoscenza che possa aiutare nel discernimento. Lo stesso autore, Collin de Plancy, scriveva che il libro è utile ai “timorati, per trovarvi notizie sugli spiriti infernali da evitare”.)

Articolo tratto da: veniteadme.org
Questo testo è soggetto a licenza Creative Commons cc by-nc-nd. E' possibile condividerlo a condizione che non venga modificato né utilizzato a scopi commerciali, sempre attribuendo la paternità dell'opera all'autore: veniteadme.org

Nessun commento:

Posta un commento