Image Cross Fader Redux /* BOX POP UP INIZIO */ /* BOX POP UP FINE */
Oranti di strada
Bisogna partire per un'avventura in cui chi calcola le cose non sei tu (Beato G. Alberione)
Maria Madre nostra, pozzo d'amore ove l'anima in Cristo s'immerge

In nomine Patris, et Filii, et Spiritus Sancti. Amen.
Orate fratres Deum pro Pontificem Maximo Francisco,
pro exaltatione Sanctae Ecclesiae ac haeresum extirpatione,
pro nationum concordia,
pro principibus christianis,
pro tranquilitate populorum,
ut omnes una aeternis gaudiis tandem perfruamur.
Custodi nos Domine ut pupilam oculi sub umbra alarum tuarum protege nos.
Gloria Patri, et Filio, et Spiritui Sancto. Sicut erat in principio, et nunc, et semper, et in saecula saeculorum. Amen.
Una frase del Vangelo per te:

La penitenza, via maestra per smorzare le tentazioni

La penitenza è un mezzo efficacissimo per smorzare le tentazioni, devi mortificare tutto quello che crea difficoltà alla tua unione con Dio, soprattutto la fantasia, la golosità, le passioni e l’IO orgoglioso; il digiuno e le penitenze dure e severe devi farle soltanto col permesso del tuo confessore e sotto il suo controllo perché facilmente si passano i limiti e possono esserci conseguenze micidiali per la salute fisica e spirituale; un’antica norma degli Ordini penitenti diceva: poenitentia stabilem in salutem: la penitenza non deve turbare la stabilità della tua salute fisica e spirituale.
Le penitenze più efficaci sono le piccole mortificazioni, privazioni e fioretti che colpiscono la volontà che tende al male, i pensieri cattivi, l’orgoglio, la vanità e soprattutto i difetti di cui non riesci a liberarti. Un’altra penitenza efficacissima sono la vigilanza e la prudenza che ti portano a rifiutare prontamente tutto quello che ti attira verso il peccato.
L’amore è la forza e l’orientamento della penitenza.
Se tu ami tuo figlio fai tantissime privazioni e mortificazioni senza nemmeno rendertene conto; se non ami Gesù con tutto il cuore, le più piccole penitenze sono per te un peso inaccettabile; le penitenze impediscono e smorzano l’efficacia delle tentazioni che disturbano e minacciano l’unione di amore con Cristo.
L´unione con Cristo dona alla tua anima l’impeccabilità, ti dona cioè una resistenza solida e spontanea a tutte le tentazioni piccole e grandi, questa resistenza consiste unicamente nel rifiuto spontaneo di tutto quello che ti può portare verso il male.
La rinunzia alle cose che promettono felicità alla vita umana non é un peso da portare ma l’esigenza di testimoniare e difendere l’amore a Cristo.
L’amore è l’unico motivo per cui tanti Santi vivevano e vivono puri come gli Angeli.
La devozione eucaristica e mariana è indispensabile: chi mangia la mia Carne e beve il mio Sangue, rimane in me e Io rimango in Lui.
Il demonio può darti soltanto quelle tentazioni e nella misura che il Signore gli consente. La Madonna in particolare ha il mandato profetico di schiacciare il capo al serpente, Ella lo caccerà definitivamente dalla storia dell’umanità alla fine dei tempi, la Mamma difende i figli con energia spietata.
“Donna, ecco tuo figlio, figlio ecco tua Madre”.
Gesù ha dato alla Mamma il compito di aiutare i figli a schiacciare il capo del serpente nel tempo e alla fine dei tempi.
La vita cristiana è una vita che si consuma nell’amore, per cui tutte queste cose che vengono descritte spaventano e disgustano soltanto coloro che non hanno interesse a sviluppare i principi che ci portano a realizzare la vita divina, tutto sembra loro duro, pesante o addirittura disumano. La vita cristiana affonda le radici nella fede, la fede ti porta a realizzare l’amore a Dio e ai fratelli mediante l’ubbidienza al Vangelo.
La preghiera umile e fiduciosa rende stabile la presenza di Dio nella tua vita.
La penitenza ti porta a sopprimere prontamente tutti i rigurgiti delle passioni interne ed esterne.
La fede cosi ti unisce a Dio nell’amore dello Spirito Santo e nell’aiuto materno di Maria. Il nostro compito è solo quello di perseverare e resistere unicamente per conservare e sviluppare l’amore dello Spirito Santo che Gesù ci ha donato.

(Don Vincenzo Carone, catechesi XXVII)

Nessun commento:

Posta un commento