Image Cross Fader Redux /* BOX POP UP INIZIO */ /* BOX POP UP FINE */
Oranti di strada
Bisogna partire per un'avventura in cui chi calcola le cose non sei tu (G. Alberione)
Maria Madre nostra, è il pozzo d'amore ove l'anima in Cristo s'immerge

In nomine Patris, et Filii, et Spiritus Sancti. Amen.
Orate fratres Deum pro Pontificem Maximo Francisco,
pro exaltatione Sanctae Ecclesiae ac haeresum extirpatione,
pro nationum concordia,
pro principibus christianis,
pro tranquilitate populorum,
ut omnes una aeternis gaudiis tandem perfruamur.
Custodi nos Domine ut pupilam oculi sub umbra alarum tuarum protege nos.
Gloria Patri, et Filio, et Spiritui Sancto. Sicut erat in principio, et nunc, et semper, et in saecula saeculorum. Amen.
Una frase del Vangelo per te:

La via della grazia inizia nell'umiltà del confessionale

NON ABBIATE PAURA!
Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo!
Quante occasioni perdute! La nostra vita è solo un breve e precario viaggio, dobbiamo fermarci! e chiederci se non sbagliamo direzione. Denaro, sesso, vizio, droga, crudeltà, egoismo, ingiustizia, prevaricazione, corruzione, divisione, inganno ... è con l'inganno che il grande illusore porta le anime nelle fiamme eterne!
"Se non ci amiamo, ci distruggiamo." (Raoul Follereau).
Così viviamo ogni giorno radicati nelle vanità dell'apparenza, nell'egoismo, cercando appagamento in futilità del tutto simili a castelli di carta.
"L'unica cosa importante quando ce ne andremo, saranno le tracce d'amore che avremo lasciato." (Albert Schweitzer).

Ma quando il dito di Dio ci tocca l'anima... ecco che sgorga il pianto liberatorio... sembra fatta, le lacrime staccano le "scorie", ma poi continuiamo a restare "seduti", ben alla larga da quella porticina che ci sembra così piccina, ma così piccina! C'è scritto sopra: CONFESSIONE. Fa paura quella porticina! Siamo alla paralisi del nostro bene, come impotenti, schiacciati dal ricatto dei nostri peccati. Non abbiamo sufficiente forza per realizzare quel desiderio interiore di Dio, di rialzarci rigenerati in un'anima umile e pura.
Solo Dio può rivestire il cuore dei suoi figli a sua immagine e di tal grazia possiamo goderne, ma non appropriarcene, (la grazia è dono, non possesso, o non sarebbe più grazia!), ci è donata per renderne partecipe l'intera comunità di figli di Dio, poiché siamo tutti fratelli.

La prima battaglia è contro noi stessi. Occorre una grande forza, che possiamo trovare solo se ci affidiamo a coLui che non ha trascurato di donarci un'anima sensibile anche per capire che "La confessione è l'invito a partecipare al banchetto Divino".
Soltanto con l'aiuto di Dio e della Santa Vergine possiamo intraprendere la dura battaglia contro noi stessi, contro il nostro orgoglio, il nostro egoismo e la nostra vergogna. Ma la vera vergogna è rinunciare a vivere la nostra esistenza nella libertà di un Dio che è venuto per guarire i suoi figli!
"Così, vi dico, ci sarà più gioia in cielo per un peccatore convertito, che per novantanove giusti che non hanno bisogno di conversione." (Lc 15,7).

Quando si chiuderà per noi quella porticina? Passeranno anni? Chi può saperlo! Potrebbero essere giorni, come minuti ... C'è da sbrigarsi! Fintanto che la porta è aperta, niente è perduto, basta mettersi a nudo di fronte a Dio e abbandonarsi alla sua infinita misericordia.
"Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché molti, vi dico, cercheranno di entrarvi, ma non ci riusciranno." (Lc 13,24)

UMILTA' E' VERA PACE!
Chi tra voi è più grande sarà vostro servo!
Spazziamo via questo giogo! "Chiedete e vi sarà dato; cercate e troverete; bussate e vi sarà aperto; perché chiunque chiede riceve, e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto." (Mt 7,7-8).
Ecco la luce! Allora perché esitare a varcare quella porticina che soffoca la nostra coscienza e ci impedisce di vivere pienamente quella promessa d'intimità che il Creatore a fatto alla sua creatura? Dio non ci nega l'accesso anzi, ci attende a braccia aperte. Basta sospingerla e ... ogni angoscia si dissolve, c'è Dio, è pace. E nella leggerezza della pace tutto si trasforma, perdono consistenza le ansie che ci portiamo addosso e trova spazio invece, l'amore.
Abbi certezza caro lettore, che "La via della grazia inizia nell'umiltà del confessionale, dove il Signore chiama ogni figlio per ricolmarlo e farne dono di grazia egli stesso".
Abbi certezza - d'altronde puoi farne anche la prova, chi ti trattiene? Solo te stesso! - se anche tu desideri la luce, ecco: lì c'è la luce accecante della pace!

E' incredibile come tutto diventi umile, dolce meraviglia e beatitudine d'amore nella CONFESSIONE.
Noi siamo figli di Dio, perché vivere come rami secchi nell'acqua stagnante? Laviamoci invece alla fonte dell'Amore Misericordioso per sempre nuovi battesimi di grazie! E perché l'opera sia pienamente degna ed efficace, facciamo l'offerta di perdono davanti al confessore: "Mio Dio e mio tutto: Ti chiedo perdono per averTi offeso e offro a Te il mio perdono per tutti quelli che hanno offeso Te, facendo del male a me".
E poi giù, giù a testa bassa, a dissetarci alla fonte dell'umiltà! E quanto più beviamo a questa FONTE DI GUARIGIONE MIRACOLOSA, tanto più l'anima guarda a Dio nella grazia della conversione, per giungere infine, alla purezza della contemplazione: siamo tesorieri del divino amore e non lo sapevamo! è la svolta della vita, il Paradiso è già qui!

Teófilo

Nessun commento:

Posta un commento