Image Cross Fader Redux /* BOX POP UP INIZIO */ /* BOX POP UP FINE */
Oranti di strada
Bisogna partire per un'avventura in cui chi calcola le cose non sei tu (G. Alberione)
Maria Madre nostra, è il pozzo d'amore ove l'anima in Cristo s'immerge

In nomine Patris, et Filii, et Spiritus Sancti. Amen.
Orate fratres Deum pro Pontificem Maximo Francisco,
pro exaltatione Sanctae Ecclesiae ac haeresum extirpatione,
pro nationum concordia,
pro principibus christianis,
pro tranquilitate populorum,
ut omnes una aeternis gaudiis tandem perfruamur.
Custodi nos Domine ut pupilam oculi sub umbra alarum tuarum protege nos.
Gloria Patri, et Filio, et Spiritui Sancto. Sicut erat in principio, et nunc, et semper, et in saecula saeculorum. Amen.
Una frase del Vangelo per te:

Il demonio diventa forte soltanto se tu diventi debole

Le catechesi intendono liberarti anche dalle convinzioni errate.
Lo scopo di queste ultime catechesi è quello di aiutarti a liberarti dalle convinzioni errate nei riguardi del demonio che spesso viene considerato una cosa da nulla e in altri casi qualcosa di terribile che fa paura e addirittura aggredisce. Le catechesi intendono liberarti anche dalle convinzioni errate sulla tentazione: o vengono confuse con un fatto naturale, o bisogna lottare, una lotta assurda e impossibile.
Abituati a rimanere sempre nella casa di Dio: tieni sempre presente la raccomandazione del Signore: vigilate e pregate per non cadere in tentazione.
E' sufficiente che tu vigili contro quello che può danneggiare la salute della tua anima allo stesso modo e con la stessa attenzione con cui vigili contro quello che può danneggiare la salute del tuo corpo. Se ti capita di cadere, rialzati subito, chiedi perdono nella confessione e riprendi subito il cammino! Non devi diventare nervoso, non devi inquietarti, la preghiera e le opere buone fanno scomparire tutto quello che non è andato per il verso giusto: “se il peccatore si pente dei suoi peccati e cammina sulla via della conversione, tutti i peccati vengono cancellati perché si è pentito e cammina sulla via giusta; se il Giusto commette peccati, tutto il bene che ha fatto viene cancellato, perché non sta facendo più il bene, sta facendo il male”; perciò dicevo: confessati e riprenditi subito.
Se poi ti concedi una pausa di libertà dalla Legge di Dio, il ritorno a Dio è sempre possibile, però diventa più difficile che tu prenda una decisione in questo senso, dipende anche dalla lunghezza di questa pausa.
Una volta che sei sulla via della conversione attendi il Signore che certamente verrà, è possibile infatti che Gesù non si faccia sentire per un periodo di tempo perché vuole mettere alla prova la tua fede.
Alla luce della fede tu puoi vedere le tue fragilità e la necessità di essere prudente perché hai fatto l’esperienza che il demonio diventa forte soltanto se tu diventi debole perché privo dell’Eucarestia, della protezione di Maria, della preghiera e delle virtù cristiane. Nell'esame di coscienza che è veramente tale la fede ti fa vedere che il demonio ti ha imbrogliato e non ti dona la felicità che ti ha promesso.
Non essere mai presuntuoso: queste cose a me non fanno niente, la presunzione è orgoglio! L’orgoglioso è sempre una vittima privilegiata delle lusinghe di satana. L’imprudenza e la mancanza di preghiera sono la strada delle tentazioni.
In ultimo vorrei raccomandarti di non pensare alla vita cristiana come una lotta eterna contro le tentazioni; se vivi veramente mettendo in pratica l’insegnamento del Vangelo, le lotte contro le tentazioni non saranno mai una lotta feroce, saranno soltanto un semplice rifiuto che emerge dal tuo amore a Cristo. Una volta che il cuore si è radicato nell'amore l’offerta del demonio non ti interessa più e tu continui a gustare la dolcezza dell’amore di Cristo, le cure materne della Mamma Celeste e arriverai persino ad amare la croce perché vedrai il tuo Signore Crocifisso.
Padre Pio diceva: io amo la croce perché la vedo sulle spalle di Gesù.
San Francesco diceva: è tanto il bene che mi aspetto che ogni pena mi è diletto.

(Don Vincenzo Carone, catechesi XXXI)

Nessun commento:

Posta un commento